Archivi della categoria: Vangelo del giorno

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Mercoledì 17 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,35-40) In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete. Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Mercoledì 17 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Martedì 16 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,30-35) In quel tempo, la folla disse a Gesù: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Martedì 16 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Lunedì 15 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,22-29) Il giorno dopo, la folla, rimasta dall’altra parte del mare, vide che c’era soltanto una barca e che Gesù non era salito con i suoi discepoli sulla barca, ma i suoi discepoli erano partiti da soli. Altre barche erano giunte da Tiberìade, vicino al luogo dove avevano mangiato il pane, dopo che il Signore aveva reso grazie. Quando dunque … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Lunedì 15 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Domenica 14 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 24,35-48) In quel tempo, [i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus] narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Domenica 14 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Sabato 13 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,16-21) Venuta la sera, i discepoli di Gesù scesero al mare, salirono in barca e si avviarono verso l’altra riva del mare in direzione di Cafàrnao. Era ormai buio e Gesù non li aveva ancora raggiunti; il mare era agitato, perché soffiava un forte vento. Dopo aver remato per circa tre o quattro miglia, videro Gesù che camminava sul mare … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Sabato 13 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Venerdì 12 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,1-15) In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Venerdì 12 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Giovedì 11 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 3,31-36) Chi viene dall’alto, è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla secondo la terra. Chi viene dal cielo è al di sopra di tutti. Egli attesta ciò che ha visto e udito, eppure nessuno accetta la sua testimonianza. Chi ne accetta la testimonianza, conferma che Dio è veritiero. Colui infatti che … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Giovedì 11 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Mercoledì 10 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 3,16-21) In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Mercoledì 10 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Martedì 9 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 3,7-15) In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito». Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro di Israele e non … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Martedì 9 aprile 2024 »

Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Lunedì 8 aprile 2024

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 1,26-38) Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava … Continua a leggere Commento al Vangelo dell’Arcivescovo – Lunedì 8 aprile 2024 »